- Apicoltura Ribaditi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Azienda


Il miele che ha raggiunto l'Himalaya come supporto alimentare per gli alpinisti Liguri-Apuani

La spedizione alpinistica che ha raggiunto il Manaslu, nella catena montuosa dell'Himalaya,
ha portato con sè anche i mieli di castagno e acacia prodotti tra Liguria e Toscana,
lungo un percorso pensato per far conoscere a visitatori e turisti tutte le sfaccettature dell'alimento.

Sono prodotti tra le province di Massa Carrara e La Spezia, nei comuni che danno vita alla Strada del Miele
(Calice al Cornoviglio, Tresana e Mulazzo), i mieli di castagno e acacia che i dieci scalatori della
Spedizione Alpinistica dei Liguri-Apuani Manaslu 2013 hanno portato con se sull'ottava
vetta più alta del pianeta (8163 metri), in occasione dei 150 anni del Club Alpino Italiano.

La Strada del Miele, che si snoda tra Liguria e Toscana, è ideata e promossa dall'associazione nazionale
Le Città del Miele, il club dei territori con spiccata vocazione apistica che oggi conta cinquanta aderenti,
di cui una decina proprio tra Liguria e Toscana.

In particolare, la Strada del Miele è pensata per far vivere ai visitatori il mondo del miele in tutti i suoi aspetti:
dalla visita alle aziende per assistere alla lavorazione alla degustazione di piatti a base di miele nei ristoranti, trattorie e agriturismi.

Il tutto indicato da un'apposita cartellonistica che favorisce la fruizione del circuito.

La scelta di castagno e acacia, mieli italiani per eccellenza grazie alla loro diffusione a livello nazionale, non è casuale:
se il primo favorisce la circolazione del sangue ed è un potente rimedio contro la fatica, il secondo è straordinariamente energizzante.

Insomma, un vero toccasana che porterà sul tetto del mondo non solo la qualità ma anche la bellezza di un intero territorio.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu